Facebook ora consentirà ai gruppi di nominare “esperti” nel tentativo di combattere la disinformazione

35

Facebook sta cercando di far sembrare le cose meno “cieche che guidano i ciechi” elevando le voci autorevoli.

briannapBrianna Provenzano37 minuti fa51Allarmi

Immagine per l'articolo intitolato Facebook ora consentirà ai gruppi di nominare 'esperti' in uno sforzo per combattere la disinformazione Foto: OLIVIER DOULIERY/Collaboratore (Getty Images)

Malato a morte della disinformazione che dilaga ormai da anni sulla sua piattaforma, Facebook ha annunciato martedì che prevede di implementare nuove misure volte a frenare la diffusione di notizie false consentendo agli amministratori del gruppo di nominare “esperti” designati nel loro spazi.

Durante l'implementazione del nuovo strumento, che sarà presto disponibile per l'uso in gruppi selezionati su desktop e dispositivi mobili, secondo CNET, Facebook spera di reprimere su qualsiasi contenuto che viola le sue regole promuovendo odio, cospirazioni o falsità.

Dopo essere stati nominati “esperti” nel loro gruppo, gli individui designati riceveranno badge ufficiali che appaiono accanto ai loro nomi, che, apparentemente, agiranno come un facile segnale che sono più informati dell'utente medio su un determinato argomento. Ma chi sarà responsabile di conferire un tale onore? Questo è il problema, ha detto a CNET un portavoce di Facebook; la selezione degli esperti sarà “a discrezione dell'amministratore di designare esperti che ritengono competenti su determinati argomenti”.

Se sei l'amministratore di un gruppo Facebook anti-vax, allora, ha senso credere che la persona che designeresti come “esperto” nel tuo particolare spazio non detenga quel titolo in un modo coerente con quello che molti Gli utenti di Facebook considererebbero un esperto in materia di scienza dei vaccini. È lo stesso tipo di pigro equivoco su cui Facebook fa affidamento da anni: sebbene il CEO Mark Zuckerberg insista nell'assumere la posizione più melliflua possibile quando si tratta di verificare i fatti sull'altro lato, la realtà è che Facebook prende costantemente decisioni, quelle politiche. — su quale tipo di contenuto può occupare spazio e persino prosperare sulla sua piattaforma.

L'iniziativa fa parte di una più ampia campagna di Facebook per fermare la diffusione di contenuti di notizie poco raccomandabili che ha avuto risultati contrastanti negli ultimi anni. Come riportato in precedenza da Gizmodo, il gruppo di difesa Avaaz ha scoperto che “se Facebook avesse affrontato la disinformazione in modo più aggressivo e quando la pandemia ha colpito per la prima volta nel marzo 2020 (piuttosto che aspettare fino a ottobre), la piattaforma avrebbe potuto fermare 10,1 miliardi di visualizzazioni stimate di contenuti in alto- eseguire pagine che hanno ripetutamente condiviso disinformazione prima del giorno delle elezioni”.

G/O Media potrebbe ricevere una commissioneTreppiede Ergopixel da 6,8 piedi con luce ad anello a LED Treppiede Ergopixel da 6,8 piedi con luce ad anello a LED Acquista per $ 60 su StackSocialBrianna ProvenzanoPosts< p class="sc-1ib37xr-6 ftEmcV">Infinite scimmie che digitano infiniti blog