Gundam: il momento migliore di Hathaway riguarda l'orrore della guerra meccanizzata

50

La migliore sequenza di Hathaway non riguarda proprio l'azione, ma trasforma il suo “figo” combattimento di mecha in un incubo straziante.

James Whitbrook11 minuti agoSaveAlerts

Hathaway è testimone del costo della rivoluzione di Mafty.Gif: Sunrise/Netflix

Mobile Suit Gundam: Hathaway, l'ultimo capitolo dell'amato franchise di mecha, non è davvero un film incentrato sulla sua azione. È più interessato alla politica del suo mondo che ai robot giganti che hanno reso Gundam una potenza di merchandising per decenni. Ma quando riesce a mettere in ordine i suoi Mobile Suit titolari, lo fa con una nuova affascinante prospettiva.

Immagine per l'articolo intitolato Mobile Suit Gundam: Il momento migliore di Hathaway riguarda l'orrore della guerra mecha

La prima grande scena d'azione di Mobile Suit di Hathaway non si svolge fino a quasi metà del suo runtime. Il protagonista del film, Hathaway Noa, è anche conosciuto come Mafty Navue Erin, capo di un gruppo terroristico anti-Earth Federation chiamato “Mafty”. Attualmente è sotto gli occhi vigili sia della Federazione che delle forze di polizia locali a Davao City, nelle Filippine, a seguito di un fallito assalto terroristico alla nave che trasporta Hathaway e diversi importanti ministri della Federazione sulla Terra. Mentre siede nella sua stanza d'albergo riflettendo sul suo passato e sulla sua decisione di intraprendere una violenta rivoluzione contro la Federazione che suo padre serve ancora (e lui stesso ha servito brevemente da giovane durante gli eventi del contrattacco di Char), le forze di Mafty si preparano a mettere in scena una precisione sciopero ai ministri della Federazione sopravvissuti dalla fuga di Hathaway, che finì anche per essere dirottati a Davao in vista di un'importante conferenza.

Mentre i Mafty Mobile Suit si librano nel cielo e si preparano a lanciare attacchi contro l'hotel in cui si trovano i ministri, gli abiti della Federazione dalla città vengono lanciati per contrastarli. Si apre con un'intensa gara di sguardi tra le due parti; le tute Mafty volano al di sotto di quelle della Federazione, mettendosi tra il loro nemico e Davao City, credendo che non c'è modo che i “buoni” possano tentare di sparare contro di loro e rischiare danni collaterali sulla popolazione civile sottostante. La Federazione si adatta comunque al fuoco, impegnandosi con il calcolo non detto che vale la pena sacrificare le vite dei civili per distruggere anche una manciata di dissidenti Mafty. In un solo momento, la pace esplode nel caos assoluto: fuoco ed esplosioni inghiottono Davao. In aria, le tute di Mafty cercano di bilanciare il colpire il bersaglio con la sopravvivenza contro le tute della Federazione. A terra, Hathaway e il suo nuovo “amico”, il misterioso giovane Gigi Andalucia (un compagno sopravvissuto al tentativo di dirottamento della nave da parte del terrorista), cercano disperatamente di sfuggire alla devastazione che piove intorno a loro.

Immagine per l'articolo intitolato Mobile Suit Gundam: il momento migliore di Hathaway riguarda l'orrore della guerra dei mecha Screenshot: Alba/Netflix

G/O Media potrebbe ricevere una commissioneTreppiede Ergopixel da 6,8 piedi con luce ad anello a LED Treppiede Ergopixel da 6,8 piedi con luce ad anello a LEDAcquista a $ 60 su StackSocial

Ma non è solo il fatto che i nostri eroi siano in pericolo a rendere la scena tesa. Quando il combattimento si sposta dallo spazio aereo di Davao alla città stessa, l'obiettivo di Hathaway non si allontana mai dalla prospettiva di Hathaway e Gigi a terra, come ci si potrebbe aspettare. Mafty e i mech della Federazione non diventano i nostri protagonisti in questo momento di azione. Questi giganteschi scenografi sono entrambi lontani dalla nostra attenzione, ma anche lo slancio trainante di quasi 10 minuti di puro caos. E mentre è davvero una sequenza animata a livello tecnico, non è “cool” vedere Mafty e la Federazione combattere. È terrificante, si svolge come una scena di un film catastrofico e diversamente dal tipo di azione che di solito vediamo in Gundam.

Tutto è inquadrato dal punto di vista dei civili terrorizzati (Hathaway e Gigi tra loro) piuttosto che dai Mobile Suit stessi, amplificando la portata e la distruzione del combattimento. Un raggio scaricato dal fucile di un Mafty Messer non solo fa un buco nell'armatura di un Gustav Karl della Federazione, ma sputa frammenti di metallo fuso e rovente e pura energia sulle folle di persone in fuga sottostanti. Le inquadrature della folla sono incorniciate da fuoco e rumore disorientanti, punteggiate da rimbombi che fanno schiantare strisce di persone, alcune delle quali non si rialzano mai per continuare a correre. Ci viene mostrato che non sono solo le esplosioni di colpi mancati da raggi e cannoni che sono letali per le persone a terra, ma anche le cose semplici a cui anni e anni di azione di Gundam ci hanno desensibilizzato. Il puro calore dei motori a nonio di una tuta solleva nuvole di polvere mentre scende, spazzando via i veicoli vicini. I mobile suit non atterrano delicatamente su o intorno agli edifici, ma li abbattono e li attraversano, la loro agilità nell'aria contrasta con un senso di pesantezza mentre attraversano con passo pesante i condomini e le strade della città: una reazione inflessibile e indifferente al caos nel loro wake.

Gif: Sunrise/Netflix< /figura>

Sebbene sia un segmento incredibilmente violento, non è mai cruento. Non ci viene data la possibilità di vedere le conseguenze del fuoco e delle macerie sui corpi delle persone che cadono intorno a Hathaway e Gigi, a parte vederli proni per le strade. Non ne abbiamo bisogno per comprendere l'orrore del momento, poiché ci viene costantemente ricordato dalle grida e dalle grida di panico di Gigi. Ci ricorda ancora di più il contrasto tra il suo comportamento – presumibilmente non avendo mai visto un Mobile Suit così ravvicinato prima, o forse mai al di fuori dei telegiornali – e la risposta tesa, ma anche insensibile, di Hathaway all'orrore intorno a lui dopo il trauma che ha sviluppato combattendo in Char's Counterattack da adolescente. La sua desensibilizzazione all'incubo che si sta svolgendo parla ulteriormente delle sue stesse emozioni conflittuali all'inizio del film, scatenate dalla domanda di Gigi se lui e Mafty hanno ragione a colpire la Federazione nel modo in cui lo sono stati. Così come sono, mentre le fiamme avvolgono il suo mondo e il quasi catatonico Gigi cullato tra le sue braccia.

La schermaglia termina quando due membri della Federazione mettono all'angolo un solitario costume di Mafty in un parco in cui Hathaway, Gigi e i cittadini sopravvissuti erano fuggiti per un breve rifugio. Uno blocca la fuga del singolo costume di Mafty, l'altro arriva fino alla vita, mentre accende una delle armi mecha più iconiche di Gundam: la lama di energia viola-rosa infuocata di una spada laser. Così spesso in Gundam, una spada laser sguainata significa l'imminente colpo mortale di un combattimento, una pugnalata precisa al petto di una tuta nemica che la disabilita e incenerisce il pilota indifeso all'interno in un solo colpo. In un silenzio sbalordito, tutto ciò che Hathaway e Gigi possono fare è guardare mentre la tuta della Federazione affonda la sua lama nella schiena della tuta Mafty, la sua unità toracica che emette scintille tutt'intorno come una pioggia meravigliosa e terribile.

Immagine per l'articolo intitolato Mobile Suit Gundam: il momento migliore di Hathaway riguarda l'orrore della guerra dei mecha Screenshot: Alba/Netflix

Hathaway non sa se il suo amico con la tuta, Gawman Nobile, è sopravvissuto al colpo. Gigi, traumatizzata dall'esperienza che ha appena vissuto, può solo singhiozzare nel petto di Hathaway. Eppure, mentre la tuta di Gawman cade senza vita contro il suo aggressore e a terra, l'obiettivo della telecamera si ritrae per contrastare la sua forma con quella di Hathaway e Gigi, mentre iniziano ad accarezzarsi ed esplorare i corpi dell'altro. È un atto di tenera intimità: sensualità imbarazzante, comfort massaggiante, l'energia repressa di una situazione stressante che deve andare da qualche parte, ovunque. L'umanità della loro tenerezza e la disumanità del combattimento orribile che hanno appena visto svolgersi intorno a loro sono posti l'uno contro l'altro: questi due diversi tipi di corpi, meccanici e organici, affrontano i traumi inflitti.

Presentare il combattimento di Mobile Suit in Gundam in questo modo non è un'idea nuova e non ci si dovrebbe davvero aspettare che faccia parte di un franchise vecchio come lo è. Gundam ha, molte volte prima di Hathaway, giustapposto il trauma che presenta sui corpi meccanizzati del suo mecha umanoide con i corpi molto reali degli umani che li pilotano. Il suo messaggio è sempre che, per quanto visivamente eccitante possa essere la sua azione, il costo di tutto ciò è per sempre profondamente traumatico: Hathaway non fa eccezione. Spostando la sua prospettiva dai mech stessi all'obiettivo a terra fornito dai civili sul terreno intorno a loro, Hathaway amplifica ulteriormente la natura disumanizzante delle sue armi da guerra meccaniche, presentandole come qualcosa di simile alla mostruosità nonostante la loro forma umanoide. Fare in modo che Hathaway eviti in gran parte l'azione per l'interrogatorio tematico e utilizzi una delle sue rare scintille di conflitto per parlare di questo tema di lunga data nel franchise è un eccezionale momento di spettacolo in sé e per sé. Uno che sembra una precisa evoluzione di quel tema, piuttosto che una semplice continuazione di esso.

Mobile Suit Gundam: Hathaway è ora in streaming su Netflix.

Ti stai chiedendo dove è andato a finire il nostro feed RSS? Puoi prendere il nuovo qui.

James WhitbrookPostsEmailTwitter

James è un redattore di notizie su io9, dove puoi trovarlo mentre consegna i tuoi spoiler mattutini, scrive di supereroi, e avendo molti sentimenti su Star Wars. Vuole le immagini. Immagini di Spider-Man!