Studio: Guerra Nucleare Tra India e Pakistan potrebbe Innescare Globale della Fame

28

The mushroom cloud from the “Ivy Mike” nuclear test over Enewetak Atoll in the Marshall Islands on November 1, 1952. La nuvola a fungo da “Ivy Mike” test nucleare, oltre Enewetak Atoll nelle Isole Marshall, il 1 ° novembre 1952.Immagine: Los Alamos National Laborator

Oltre a uccidere come molti come 125 milioni di persone, un nucleare tra India e Pakistan potrebbe scatenare la fame di massa in tutto il mondo grazie ai conseguenti impatti del cambiamento climatico, in base ad un preoccupante nuovo studio.

Come se abbiamo bisogno di essere ricordato gli orrori di una guerra nucleare, la nuova ricerca pubblicata oggi la Scienza Avanza presenta prove che dimostrano che il nucleare scambio tra due potenze minori, in particolare India e Pakistan, infliggerebbe sia regionale e catastrofe globale.

La nuova ricerca, che ha coinvolto i ricercatori dell’Università del Colorado, Boulder, Rutgers University di New Brunswick, la US National Center for Atmospheric Research, tra le altre istituzioni, ha offerto alcune allarmanti stime, mostrando che una guerra tra le due nazioni potrebbe causare tra i 50 ed i 125 milioni di morti nelle ore e nei giorni seguenti nucleare di cambio.

Ciò che la ricerca mostra anche, tuttavia, è come il conseguente impatto sul clima, prodotto principalmente dal fumo di incendi, potrebbe causare devastanti raccolto i fallimenti e il collasso dell’ecosistema. Questo inverno nucleare sarebbe andare a causa di fame in tutto il mondo, leader di “vittime collaterali”, secondo le parole dei ricercatori.

Nessuna stima è stato offerto per quante persone sarebbero interessate o uccisi dalla fame, ma sarebbe probabilmente essere significativo, dato che il successivo inverno nucleare sarebbe durato per almeno un decennio.

Article preview thumbnail

‘Limitata ” Attacchi Nucleari Potrebbe Ancora Causare Il Caos Climatico

Con la Guerra Fredda un pallido ricordo, alcune potenze nucleari hanno adottato strategie consentendo limitata …

Per saperne di più Leggere

Il nuovo studio mostra che una guerra nucleare, anche quella che coinvolge le più piccole potenze nucleari, comporterebbe conseguenze globali. La nuova carta ricorda di ricerca svolta nel 2017 dimostrando che anche “limitato” attacchi nucleari potrebbe causare il caos climatico e il 2018 studio si cerca di determinare il “best-case scenario” per la guerra nucleare, che è, il minor numero di armi nucleari necessari per mantenere la deterrenza.

Alan Robock, un co-autore della nuova carta e ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Ambientali presso la Rutgers University di New Brunswick, insieme ai suoi colleghi, è venuto a questi risultati mediante la simulazione di uno scenario in cui la guerra nucleare scoppiata nel 2025 tra India e Pakistan. Queste nazioni sono attualmente coinvolto in una disputa sul Kashmir territorio.

“Abbiamo valutato il potenziale impatto sul clima di una guerra tra India e Pakistan, in un prossimo futuro, con un maggior numero di armi, armi più grandi, e gli obiettivi più grandi, rispetto alla nostra analisi, una decina di anni fa”, ha scritto Robock in una e-mail a Gizmodo. Infatti, la nuova carta è un aggiornamento di una simile ricerca condotta nel 2010 da Robock e Owen Toon, un professore del Dipartimento di Atmosferici e Oceanici Scienze presso l’Università del Colorado a Boulder—una ricerca che in gran parte raggiunto le stesse conclusioni.

In immaginato scenario, i ricercatori hanno considerato l’uso tra i 400 a 500 armi nucleari, che il predetto arsenale per l’India e il Pakistan, e in circa sei anni. Le armi nucleari utilizzati nella simulazione variava da Hiroshima-dimensioni bombe (15 kiloton di TNT) attraverso alle armi moderne in grado di scatenare qualche centinaio di kiloton di potenza esplosiva. Lo scenario visto in India distribuire il 100 testate nucleari, mentre il Pakistan distribuiti 150.

“Una guerra tra i due nuovi ‘più piccole potenze nucleari sull’altro lato del mondo ora ha il potenziale per buttarsi a Terra in un’era glaciale, clima. Sarebbe immediato il cambiamento climatico”.

A livello regionale la catastrofe potrebbe verificarsi se l’India e il Pakistan sono stati ad impegnarsi in una scala completa di una guerra nucleare con l’espansione arsenali,” hanno scritto gli autori dello studio. Simulato nucleare comporterebbe ovunque da 50 milioni di euro per 125 milioni di morti, che dovrebbe verificarsi quasi istantaneamente dall’immediato, diretti effetti delle bombe. Come i ricercatori hanno osservato nello studio:

L’India potrebbe soffrire da due a tre volte più vittime e vittime del Pakistan, perché, nel nostro scenario, Pakistan utilizza più armi rispetto a India e perché l’India ha una popolazione più grande e più densamente popolata della città. Tuttavia, come percentuale della popolazione urbana, del Pakistan, le perdite sarebbero circa il doppio di quelle dell’India. In generale, le vittime e le vittime aumentano rapidamente anche fino a 250 esplosione a causa dell’alta densità di popolazione in India, mentre il tasso di crescita per il Pakistan è molto più basso anche per il 50 ° di esplosione.

Per Robock, la più grande sorpresa di questi risultati come una “guerra tra due nuovi ‘più piccole potenze nucleari sull’altro lato del mondo ora ha il potenziale per buttarsi a Terra in un’era glaciale per il clima”, ha detto a Gizmodo. “Sarebbe immediato il cambiamento climatico”.

Russia e stati UNITI attualmente rappresentano circa il 93 per cento del pianeta stima 13,900 armi nucleari, secondo il giornale.

Gli incendi causati dal nucleare avrebbe liberato da qualche parte tra i 16 milioni e a 36 milioni di tonnellate di fuliggine—altrimenti noto come il nero di carbonio nell’atmosfera superiore della Terra. Nel giro di poche settimane, questo fuliggine sarebbe proliferano in tutto il mondo. Secondo i ricercatori le stime, la luce del sole sarebbe diminuire di un fattore 20 al 35 per cento, che a sua volta fresco il terreno da 2 a 3 gradi Celsius (3,6 a 9 gradi Fahrenheit) e ridurre la precipitazione dal 15 al 30 per cento, a seconda della regione.

“Minacciare di usare armi nucleari per scoraggiare la minaccia di essere un attentatore suicida.”

Questo sarebbe molto male per il mondo della vegetazione, sia terrestri o acquatiche. La vita vegetale si sarebbe ridotto da 15 a 30 per cento sulla terra e 5 al 15 per cento negli oceani. Questo inverno nucleare sarebbe durata per almeno 10 anni, secondo i ricercatori. Il libro riassume come segue:

[S]evere a breve termine perturbazioni del clima, con temperature in calo di valori non visto sulla Terra fin dalla metà dell’ultima era glaciale, dovrebbe essere attivato dal fumo di città in fiamme, un disastro globale minaccia la produzione di cibo in tutto il mondo e la fame di massa, nonché in caso di gravi disagi per gli ecosistemi naturali. Ad aggravare la devastazione portata su di loro paesi, le decisioni da Indiani e Pakistani leader militari e politici per l’uso di armi nucleari potrebbe gravemente pregiudicare ogni altra nazione sulla Terra.

Come un interessante e rilevante a parte, il 2017 Premio Nobel per la Pace è stato assegnato alla Campagna Internazionale per Abolire le Armi Nucleari (ICAN). Come Robock, ha spiegato a Gizmodo, ICAN “è stata emanata, in parte, sulla base delle nostre precedenti risultati.” La sua speranza è che il mondo del nove nucleare nazioni “firmare e ratificare il 2017 Trattato ONU sul Divieto di Armi Nucleari”.

I risultati di un nuovo studio di “rafforzare la necessità di abolire le armi nucleari”, ha detto Robock. “Sono strumenti di genocidio di massa. E il mito di deterrenza persiste. Ma se le armi nucleari sono stati utilizzati per loro sarebbe un enorme impatto, attraverso il cambiamento climatico, la nazione, il loro utilizzo,” ha detto.

“Minacciare di usare armi nucleari per scoraggiare la minaccia di essere un attentatore suicida”, ha aggiunto.

Condividi Questa Storia