Report: gli stati UNITI per Firmare il Trattato Costringendo Piattaforme Come Facebook per Condividere Chat Crittografata Con la Polizia del regno UNITO

26

Metropolitan Police officers preparing a raid in London in 2011. Metropolitan Police officer la preparazione di un raid a Londra nel 2011.Foto: Antonio Devlin – WPA Piscina (Getty Images)

Il regno UNITO e stati UNITI, i governi sono tenuti a firmare un trattato nel mese di ottobre, che costringerà piattaforme di social media basato in uno dei paesi di “divulgare messaggi cifrati da sospetti terroristi, pedofili e altri criminali gravi” di polizia, in altri, secondo il Times di Londra.

Polizia di entrambi i paesi hanno limitato la possibilità di richiesta dei dati utente da un tecnico della società con sede in altri. Che è più un problema per l’italia rispetto agli stati UNITI, in cui i più grandi piattaforme di sede. Il Times ha riferito che il regno UNITO Casa di Segretario Priti Patel è previsto a presto firmare l’accesso ai dati “accordo”, che segue di quattro anni di intensa attività di lobbying” del regno UNITO, per un accesso più diretto ai dati in possesso degli stati UNITI su piattaforme come Facebook e la sua controllata WhatsApp.

Secondo il giornale, Patel ha detto che autorità del regno UNITO hanno ” le mani sono attualmente legati da accordi di mantenere transnazionale di condivisione dei dati per le emergenze e un lento processo del trattato:

Attualmente i servizi di sicurezza sono solo in grado di ottenere i dati se c’è bisogno di un “emergenza divulgazione” a causa di una minaccia imminente per la vita. La polizia e i pubblici ministeri possono anche richiedere i dati sotto la “assistenza legale” trattato ma il processo è altamente burocratico e può richiedere fino a due anni.

In base al nuovo trattato, la polizia, i pubblici ministeri e i servizi di sicurezza possono inviare richieste di informazioni a un giudice, un magistrato o “altre autorità indipendente”. Il processo sarà supervisionata da i poteri di commissario.

Sotto i termini della proposta di accordo, entrambi i governi accetta di non indagare di tutti gli altri cittadini. Gli stati UNITI non saranno in grado di utilizzare i dati ottenuti dalle aziende che hanno sede nel regno UNITO, in casi di pena di morte, a meno che le autorità britanniche hanno esplicitamente dato il permesso di farlo. Bloomberg ha confermato le notizie di condivisione dei dati all’accordo.

Non è chiaro se l’accordo proposto in realtà richiede alle aziende di creare backdoor nel cifrato prodotti, qualcosa che forze dell’ordine e agenzie di intelligence hanno chiesto per anni, ma che ha resistito da parte di imprese a tecnologia avanzata. Gli esperti di sicurezza in generale dico che qualsiasi backdoor potrebbe essere scoperto da malintenzionati e compromettere la sicurezza per tutti gli utenti. E ‘ anche ragionevole per sospettare la situazione attuale non è bloccante autorità di quanto sono stato, e questo è ancora un altro modo per Western applicazione della legge e le agenzie di intelligence per spingere l’agenda.

Come Engadget notato, invece di mandato backdoor, la disposizione può invece creare una situazione imbarazzante in cui le aziende sono costrette a girare su dati che è “di fatto inutilizzabile”, perché non può essere decifrato.

Secondo il Times, Patel ha avvertito piattaforme in passato che potrebbero essere abilitazione alla criminalità e al terrorismo. In un esempio di alto-profilo, il governo del regno UNITO ha criticato Facebook per essersi rifiutato di consegnare la password dell’account di un sospetto di omicidio su base discrezionale, invece di raccontare di polizia per approfondire la questione attraverso i tribunali degli stati UNITI; le informazioni arrivato solo il giorno del sospetto di prova.

“Ci opponiamo i tentativi del governo di costruire backdoor perché potrebbero compromettere la privacy e la sicurezza dei nostri utenti, ovunque si trovino,” Facebook ha detto Bloomberg. “Le politiche del governo, come il Cloud Atto per consentire alle aziende di fornire informazioni disponibili quando riceviamo valido richieste di legge e non richiede alle aziende di costruire di nuovo le porte”.

Condividi Questa Storia