Arabia Teen Fuggiti Famiglia e chiede Aiuto su Twitter Concesso l’Asilo in Canada

34

Rahaf Mohammed Alqunun, a destra, cammina con un non meglio identificato compagno a Bangkok, in Thailandia, il venerdì, il Gen. 11, 2019. Foto: Sakchai Lalit (AP)

Il Primo Ministro canadese Justin Trudeau ha confermato che Rahaf Mohammed Alqunun, il 18-year-old Arabia donna che fuggì la sua famiglia e supplicato per la protezione sui social media, è stato concesso l’asilo in Canada.

“L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati] ha fatto una richiesta del Canada che accettiamo la Signora Alqunun come rifugiato, e noi abbiamo accettato l’ONU la richiesta di concessione di lei asilo,” Trudeau ha detto venerdì. “Questo è qualcosa che abbiamo il piacere di fare perché il Canada è un paese che capisce l’importanza di difendere i diritti umani, stand up per i diritti delle donne in tutto il mondo.”

Alqunun riferito, è fuggita dalla sua famiglia, che lei è accusato di aver picchiato la sua e minaccia di ucciderla—mentre erano in vacanza in Kuwait, momento in cui si e ‘ imbarcata su un aereo per la Thailandia con l’obiettivo di raggiungere l’Australia. Il New York Times ha riferito la scorsa settimana che, al momento dell’arrivo in Thailandia, Alqunun stato accolto dalle autorità, che confiscato il passaporto e la informò che aveva bisogno di tornare alla sua famiglia in Arabia Saudita. Alqunun, in definitiva, barricati se stessa all’interno di un hotel presso l’Aeroporto Suvarnabhumi di Bangkok, dove ha ricevuto per circa una settimana.

Alqunun della situazione guadagnato l’attenzione dei media dopo ha iniziato a twittare la sua storia nei primi giorni di gennaio. La giovane donna ripetutamente affermato che avrebbe affrontare la tortura o di morte, per mano della sua famiglia, lei dovrebbe essere costretto a tornare. Michael Page, vice Medio Oriente e Nord Africa, direttore di Human Rights Watch, ha detto in una dichiarazione che l’Arabia le donne che tentano di sfuggire alle loro famiglie “possono andare incontro a gravi violenze da parte di parenti, di privazione della libertà, e di altri gravi danni, in caso di restituzione contro la loro volontà.”

Attivisti per i diritti umani hanno sottolineato Alqunun la storia di come a sottolineare i pericoli di cui spesso sono vittime le donne in Arabia Saudita, così come la straordinaria lunghezze a cui molti devono andare per sfuggire circostanze terribili. Alto Commissario delle Nazioni unite per i Rifugiati Filippo Grandi, in una dichiarazione ha detto che Alqunun racconto fornito “un assaggio in situazione di precarietà di milioni di rifugiati in tutto il mondo.”

Phil Robertson, vice direttore di Human Rights Watch, l’Asia di divisione, ha scritto su twitter il venerdì che Alqunun trionfo è stata “una vittoria per tutti coloro che si preoccupa per il rispetto e la promozione dei diritti delle donne.” Alqunun, che ha raccolto un seguito di utenti Twitter di 139,000, ha ringraziato i sostenitori in un tweet per “sostenere me e [salvataggio] la mia vita.”

[Washington Post]

Condividi Questa Storia