L’Ultima Crack Contro Il Terrorismo Squadra Viene Da…Facebook?

322

The Latest Crack Counter-Terror Team Comes From...Facebook?

La Guerra al Terrore™ prosegue a pieno ritmo, con le agenzie di caccia di tutte le minacce sia interne che estere. Il Wall Street Journal ha un nuovo look all’interno di un improbabile gruppo: Facebook.

Il social network è venuto sotto il fuoco prima per non censurare terroristici materiale o di odio della propria rete, in particolare sulla scia di San Bernardino riprese. I sospetti sono stati variamente accusato di promuovere ISIS in rete, quali maggiore di lunga data preoccupazioni su come ISIS utilizza Facebook per reclutare nuovi membri.

In risposta alle preoccupazioni del pubblico e di rumori di intervento del governo, i social network hanno avuto un molto più pubblico di posizione contro il terrorismo. Twitter ha recentemente reso noto che ha chiuso 125,000 terroristici relativi account dal Maggio scorso.

Ora Facebook ha permesso il Wall Street Journal, l’accesso a è molto più di hardline anti-terrorismo del procedimento. (Ricordiamo che questo è un paese che ha usato per combattere l’estremismo “di attacco”.)

Facebook atteggiamento non è cambiato di molto più fondamentale: non c’è una nuova “Relazione ISIS” pulsante sul post, ma, piuttosto, un cambiamento nella rete dell’equilibrio tra libertà di parola e di frenare l’estremismo. Dice Monika Bickert, Facebook testa di una politica globale di gestione: “Se il leader di Boko Haram, e vuole pubblicare le foto dei suoi due anni e alcuni cuccioli, che non sarebbe consentito.”

Sponsorizzato

Secondo la Rivista relazione, Facebook è ora molto più proattivo:

Il social network dice che usa i profili ritenga di sostegno del terrorismo come un punto di partenza per identificare e potenzialmente eliminare account associati, che possono anche postare materiale che supporta il terrorismo.

Spazza sono effettuate da un “personale”, basato su pagine piaciuto o eventi hanno partecipato, oltre alle cose inseriti direttamente dagli utenti.

Si tratta di una approccio più proattivo di Facebook ha mai preso prima, ma mette anche Facebook pericolosamente nel territorio di censurare i suoi utenti. La retorica è cambiato; Facebook non è la pretesa di essere la stessa difensore della libertà di espressione e la privacy e ‘ stato dopo le perdite di Snowden, ma è, invece, volontariamente, di censurare i suoi utenti. Quando la tua unica responsabilità deriva dal profilo pezzi scelti giornalisti, forse che non è una cosa meravigliosa.

[Wall Street Journal]

Annuncio