Le donne Arrestate per le Riprese di Snapchat Video Morendo Ospizio Camera del Paziente

21

Foto: Getty

Il mese scorso, tre donne, in un senior living impianto in Georgia un Snapchat video nella stanza di un 76-anno-vecchia donna che ha avuto un ictus, secondo la polizia. Le donne, che erano tutti al lavoro presso la struttura, secondo quanto riferito dal titolo la storia “Fine”.

Sono stati arrestati il 22 giugno, accusato di sfruttamento di un’anziana e disabile.

“Uno di loro stava fumando una penna vape,” una Jefferson Dipartimento di Polizia, il detective ha detto, secondo le WSB-TV. “Stavano utilizzando bestemmie e (facendo osceno gesti con le mani) in macchina.”

Le tre donne—Jorden Lanah Bruce, 21; Mya Janai Moss, 21; Lizeth Jocelyn Cervantes Ramirez, 19—lavora presso la Bentley per anziani a Jefferson, in Georgia, e ha creato la Snap video su giugno 13, mentre erano in attesa per l’ospizio infermiera che, secondo Jefferson Dipartimento di Polizia di portavoce, non sarebbe indietro per un po’. Il portavoce ha detto che le donne “avrebbero dovuto monitorare attentamente il paziente.” Un dipendente presso l’impianto, secondo quanto riferito visto il video e ha riferito la donna.

Snapchat, che nei suoi primi giorni è stato visualizzato più noto come veicolo per l’invio di nudi, ha lavorato come un inquietante finestra in twisted atti di morbosa sfruttamento. Questo non è il primo incidente in cui qualcuno ha usato l’app di messaggistica effimera di post umiliante foto o video di pazienti anziani senza il loro permesso. Nel 2015, ProPublica ha riferito che aveva trovato a 35 casi in cui i lavoratori non alle case di cura e assistite centri discretamente distribuito le foto e i video dei residenti, e di quegli incidenti, almeno 16 coinvolto Snapchat.

“Questo tipo di comportamento è crudele e viola i Termini di Servizio di promessa Snapchatters fare per il rispetto di altri diritti di terzi” Snapchat ha detto ProPublica in una dichiarazione. “Crediamo che le persone anziane dovrebbe essere celebrato e curato con rispetto e compassione.”